Le cinque auto più celebri nel piccolo e grande schermo.

Le abbiamo ammirate, ci siamo lasciati affascinare e in qualche modo ci siamo affezionati a loro. Veri e propri bolidi superaccessoriati o vetture bizzarre dai mille segreti: entrate a far parte delle nostre vite in modo discreto, sono rimaste scolpite nella memoria di chi ha avuto modo di conoscerle, anche solo di fronte al piccolo schermo.

Sono le supercar dei film e telefilm del passato e quest’oggi passeremo in rassegna le cinque più celebri, quelle che se non le avete mai sentite nominare…beh, ma dove siete stati fino ad oggi, sulla luna?

Cadillac S&S del ’59 – Ghostbuster

auto-ghostbusters
[1]
“Tarariru-reru-tata, tararori-reru…ghostbuster!” Suvvia, anche soltanto a leggerlo il motivetto degli acchiappafantasmi in versione cartoon l’avete riconosciuto tutti. Chissà però se ricordate altrettanto bene la pazza automobile presente nell’omonimo film di Ivan Reitman, ovvero l’Ambulance Miller-Meteor limo-style endloader combination, soprannominata ECTO-1. Si tratta di una Cadillac del 1959 prodotta dalla Miller-Meteor di Piqua, nell’Ohio, alla quale azienda era stata concessa la licenza per modificare le vetture Cadillac e trasformarle nelle versioni limousine, carro funebre e ambulanza, come quella dei ghostbuster per l’appunto.

DeLorean DMC 12 – Ritorno al futuro

AUTO-RITORNO-AL-FUTURO
[2]
Tra gli anni 1981 e 1983 la DeLorean Motor diede luce alla sua DMC 12, un bolide con portiere avveneristiche ad ali di gabbiano, piuttosto insolite ma terribilmente affascinanti. Disegnata nientemeno che da Giugiaro, la sua reale produzione si fermò a 9.600 esemplari. La notorietà deriva ovviamente dalla scelta del regista Robert Zemeckis di utilizzarla nell’intramontabile ‘Ritorno al Futuro’ che tutti conosciamo. Una vera bestia da asfalto a giudicare dalle prestazioni: motore V6 da 130 cavalli e 2,85 litri, cambio manuale a 5 marce o 3 in automatico e accelerazione da 0 a 100 in soli 8,8 secondi. L’ideale per fare un bel viaggio nel tempo…

Pontiac Firebird Trans AM – Supercar

AUTO-SUPERCAR
[3]
Tutti noi la ricordiamo semplicemente come Kitt, protagonista della serie TV Supercar andata in onda tra il 1982 e il 1986. Un gioiellino strapieno di funzioni, ma soprattutto con un cuore grande così…Inutile elencare i suoi superpoteri, che spaziano dal turbo boost al laser, passando per tantissime altre chicche e dotata di una intelligenza artificiale così sofisticata da farla diventare sentimentale. Kitt è stata un’icona per un’intera generazione di bambini e ragazzi e a ripensarci quasi quasi un po’ di nostalgia viene a galla…

Maggiolino VW – Un maggiolino tutto matto

herbie
[4]
Chi l’avrebbe mai immaginato che la macchina del film di Walt Disney del 1968 sarebbe passata alla storia? Herbie, il Maggiolino più celebre del pianeta rappresenta il primo modello della Volkswagen e al momento può vantare il primato di essere l’auto più longeva al mondo in quanto è stata prodotta senza sosta dal 1938 al 2003, ovvero per 65 anni di fila. Motore posteriore a sbalzo e trazione al retrorteno sono i suoi punti di forza, ma provate a vedere di cosa è capace nel film ‘Un Maggiolino tutto matto’…Ok, forse la vostra non era proprio così, ma in fondo che importa, stiamo parlando comunque di una delle auto più vendute e apprezzate nella storia delle quattro ruote.

Aston Martin DB5 – James Bond 007

AUTO-JAMES-BOND
[5]
Eccoci infine alla regina della classe, l’auto per eccellenza dell’agente segreto per antonomasia. Era il 1964 quando fece la sua prima comparsa nel film ‘Goldfinger’ e da quel momento divenne la fida compagna di James Bond. Unica per stile ed eleganza, si sposava perfettamente con lo charme del suo proprietario…La Aston Martin DB5 poteva vantare un motore a 6 cilindri e 286 cavalli di potenza, con trasmissione manuale a 5 rapporti e carrozzeria super-leggera. Per gli estimatori della saga ‘James Bond’, oltre che per gli amanti delle belle auto, la DB5 è davvero inarrivabile.

 

 

 

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons

  1. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Pete Markham
  2. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Oto Godfrey e Justin Morton
  3. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Tony Hisgett
  4. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Dirk Rock
  5. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Alexandre Prévot