I 5 borghi medievali più belli d’Italia.

La nostra penisola è un territorio ricco di storia architettonica, artistica e culturale ed è facile imbattersi in luoghi magici ed incantevoli, dotati di un fascino immortale e misterioso, che sopravvive intatto al passare dei decenni.

Tra i posti più suggestivi che vale la pena vedere, rientrano a pieno titolo i numerosi borghi medievali che si trovano ad ogni angolo del nostro Paese, da Nord a Sud della penisola.

Secondo l’Associazione “Borghi Italia”, nata con lo scopo di valorizzare e preservare l’immenso patrimonio di tradizioni e cultura di cui sono custodi  questi luoghi dove è possibile assaporare ancora l’inebriante atmosfera dell’epoca cavalleresca, in Italia oggi possiamo contare ben 258 borghi.

Un borgo per essere definito tale deve avere un numero limitato di abitanti, che di solito non deve essere superiore ai 6.000 e deve essere dotato di un patrimonio architettonico e naturale ufficialmente riconosciuto dalle associazione di categoria.

Il nostro consiglio è quello di dedicarvi, appena ne abbiate la possibilità, un intero week end in uno di questi luoghi splendidi: lontano dallo stress e dal tran-tran quotidiano avrete la possibilità di respirare aria pulita, stare a contatto con la natura e deliziare il vostro palato con  deliziosi cibi locali, a base di ingredienti naturali.

Spegnete il cellulare per un paio di giorni e partite per concedervi  un’esperienza favolosa che vi farà tornare a casa ricaricati sia mentalmente che fisicamente.

Abbiamo pensato di stilare per voi una piccola classifica di quelli che secondo noi sono i 5 borghi più belli da scoprire in questa primavera-estate:

Borgo di Venzone, in Friuli-Venezia Giulia.

venzone
[1]
Il podio della classifica spetta al Comune di Venzone, in provincia di Udine, che quest’anno ha vinto la quarta edizione del concorso “Il Borgo dei Borghi”.

Il borgo di Venzone è l’unico esempio di borgo trecentesco fortificato del Friuli-Venezia Giulia  e costituisce un meraviglioso esempio di ricostruzione architettonica  avvenuta grazie alla tenacia dei suoi abitanti, dopo il paese era stato danneggiato dal terremoto del 1976.

Oltre al caratteristico centro storico, vi suggeriamo di andare a visitare la Cappella di San Michele, dove vengono conservate le famose mummie ritrovate all’interno del Duomo nel corso dei secoli e che oggi rappresentano un patrimonio dall’inestimabile valore antropologico.

Borgo di Otranto, in Puglia.

otranto
[2]
Il secondo posto, secondo la nostra personale classifica spetta ad Otranto, una delle cittadine di mare più belle di tutto il Salento.

Otranto è ufficialmente riconosciuta come la punta d’Oriente d’Italia per la sua storia densa di significato: nel corso dei secoli si sono succedute in questo territorio diverse dominazioni facendo di questo antico borgo un luogo d’incontro tra differenti razze e culture.

Oltre alle fantastiche spiagge tra cui ricordiamo la Baia dei Turchi, la spiaggia di Alimini e la Baia di Orte,  veri e propri paradisi terrestri dalla bellezza mozzafiato, la città è molto apprezzata per offrire ai turisti la possibilità di coniugare mare, arte e sport subacquei come diving e snorkeling. Per quanto concerne i monumenti architettonici da vedere assolutamente vi suggeriamo il Castello Aragonese, la Cattedrale dell’Annunziata e la Chiesa di San Pietro, uno degli esempi di famosi di architettura bizantina in Puglia.

Borgo di Conca dei Marini, in Campania.

conca-dei-marini
[3]
Spostandoci sul Tirreno, sempre al Sud, vi consigliamo di non perdere l’occasione di vedere il borgo di Conca dei Marini, una dei luoghi più affascinanti e pittoreschi della Costiera Amalfitana. In questo piccolissimo lembo di terra potrete visitare la splendida Grotta dello Smeraldo  e la Torre Saracena, costruita nel XV secolo per difendere la popolazione dalle improvvise incursioni dei pirati saraceni. Per quanto concerne le specialità del posto, avreste la possibilità di gustare pesce sempre fresco e liquori tipici come il limoncello. La sera invece potrete divertirvi con le feste organizzate sulla spiaggia ballando la “tammurriata”, una delle danze popolari più caratteristiche di tutta la Campania.

Borgo di Castiglione di Sicilia, in Sicilia.

castiglione-di-sicilia
[4]
Spostandoci sempre più giù, in provincia di Catania, troviamo il suggestivo borgo di Castiglione di Sicilia, cittadina medievale ricca di vicoli e palazzi nobiliari, chiese e torri. Se vi dovesse capitare di trovarvi nei pressi di questa magnifica cittadina vi consigliamo di visitare la Cuba Bizantina, tempio religioso costruito nel VII secolo, la Chiesa di Sant’Antonio Abate e la Basilica della Madonna della Catena.

In questo luogo magico potrete inoltre assaporare i vini più prestigiosi dell’Etna e assaporare tantissime bontà culinarie tutte a base di ingredienti locali come le famosissime nocciole, i pistacchi di Bronte e i funghi dell’Etna.

Borgo di Certaldo, in Toscana.

certaldo
[5]
Spostandoci di nuovo verso Nord, in Toscana troviamo l’antico borgo di Certaldo, cittadina che ha dato i natali al famoso poeta Boccaccio.

Nella parte alta del paese, il tempo sembra essersi fermato e possiamo respirare un’atmosfera medievale, rimasta intatta con il passare dei secoli, camminando per stradine strette e tortuose.

Tra le opere di indiscusso valore storico che vi conviene visitare rientra Palazzo Pretorio, edificio simbolo della città, costruito nel XII secolo come dimora dei conti Alberti e la Casa del Boccaccio. Vi consigliamo inoltre di partecipare ai deliziosi tour gastronomici, a base di specialità locali.

 

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons

  1. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikipedia da Sebi1
  2. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Freddyballo
  3. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Mess
  4. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikipedia da Enrico Pighetti
  5. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Vignaccia76