5 mete per finire in bellezza: Capodanno da sogno

“Cosa si fa a Capodanno?”: questo è un interrogativo che inizia ad affiorare nella mente dei più già a metà novembre. Si iniziano a vedere i primi link sui social che rimandano a mete esotiche fantastiche, viaggi low cost, suggerimenti su ristoranti e spa che in occasione della fine dell’anno organizzano pacchetti speciali. I siti web più visitati in questo periodo sono quelli di viaggi e di compagnie aeree. C’è chi preferisce rimanere a casa e trascorrere la fine dell’anno in pieno relax, accanto al camino acceso, sorseggiando un buon vino. C’è chi ama giocare a carte, come da tradizione, e c’è invece chi vuole evadere dalla routine e scappare lontano. Voi che fate a Capodanno? Scoprite qui quali sono le mete più ambite per il capodanno 2018

Capodanno a Parigi

Di sicuro è il capodanno più romantico del mondo. Avrete solo l’imbarazzo della scelta: trascorrerlo con il vostro partner in intimità oppure attraversare la Ville Lumiere insieme a moltissimi Parigini e turisti che vogliono viversi quel momento per strada, ammirando gli addobbi e le luci. Le vetrine sono decorate con ghirlande bellissime e particolari, gli alberi e i viali sono pieni di luce, dall’Arco di Trionfo fino a Piazza della Concordia. Dopo il classico cenone di S.Silvestro i Parigini si riversano nelle strade del centro per attendere la mezzanotte. Se siete a Parigi in questa occasione non potete non ammirare la straordinaria proiezione che viene fatta sull’Arco di Trionfo: immagini, musica e fuochi d’artificio fanno da cornice ad un evento esclusivo. La Torre Eiffel illuminata è un altro spettacolo da non perdere, per chi ama invece la visione d’insieme, dall’alto deve recarsi alla Basilica del Sacro Cuore: Parigi sarà ai vostri piedi. Qualcuno avrà pensato che la Senna può essere un posto unico dove festeggiare, allora saprete anche delle crociere che si organizzano ad hoc.  I battelli  fanno tutti lo stesso percorso, cambia solo il luogo di imbarco, quindi bisogna scegliere quello più comodo e vicino all’alloggio. Si può anche consumare il cenone del 31 dicembre a bordo di una imbarcazione elegante con vetrate enormi che vi permetteranno di ammirare il paesaggio, comodamente seduti a tavola. I più famosi cabaret parigini organizzano serate indimenticabili, bisogna prenotare in largo anticipo per essere sicuri di poterne far parte.

Capodanno a Romaroma

La città eterna è ancor più bella in questo periodo e si prepara per accogliere tantissimi turisti che in occasione della fine dell’anno si riversano nelle strade e nei locali o ai piedi dei monumenti che appaiono ancor più magici. Cenone, piano bar, spettacoli di intrattenimento sono ormai in quasi tutti i locali di Roma. Per chi ama ballare non può farsi sfuggire l’occasione di scegliere una discoteca. Non è facile, bisogna valutare bene tutti i temi adottati dai vari locali e scegliere quelli più adatti al proprio gusto personale. La capitale d’Italia si prepara per festeggiare alla grande il Capodanno 2018. L’appuntamento più importante rimane quello del mega concerto in via dei Fori Imperali dove artisti di fama nazionale e internazionale si esibiranno e allieteranno tutti. Per chi non può rinunciare al grande cenone tradizionale, deve solo scegliere il ristorante che più gli piace.

Capodanno ad Amsterdamamsterdam

In Olanda viene chiamato “Oudjaarsdag”, l’ultimo giorno del vecchio anno. Piazza Dam, la principale, è meta ambita da tutti per assistere ad un concertone. Dopo il conto alla rovescia e lo scoccare della mezzanotte, tutti con il naso all’insù per vedere i fuochi d’artificio. In quasi tutte le piazze di Amsterdam si trovano eventi e divertimento. Non improvvisate, pensate bene molto prima a cosa volete fare per quella notte, i locali si organizzano in largo anticipo. Tradizione bizzarra, ma molto praticata, è quella del tuffo a mare. La spiaggia più famosa dove tutti si ritrovano è quella di Scheveningen che ha anche un lungo pontile dal quale ci si può tuffare: per veri coraggiosi.

Capodanno a Madeira

Madeira dista 500 km dalla costa del Marocco, si adagia nell’oceano Atlantico, territorio portoghese in mezzo al mare. Le sette isole che compongono l’arcipelago sono meta ambita tutto l’anno, ma in particolare per Natale e Capodanno.
Qui i festeggiamenti iniziano a novembre, quando si iniziano ad accendere le prime luci di Natale e si protraggono fino a gennaio. Funchal è entrata di diritto nei Guinnes dei primati per lo spettacolo dei fuochi d’artificio. Con Capodanno inizia l’alta stagione di Madeira e ci si prepara in anticipo. A mezzanotte l’intera baia di Funchal brilla di luci, di colore, di vita. Si può cogliere l’occasione di visitare la città e perdersi tra i suoi vicoli pieni di ciottoli e di storia da raccontare. Tappa immancabile il Giardino Panoramico da cui osservare l’Oceano o raggiungere Parque Municipal de Monte in funicolare.

Capodanno a Mosca

Se avete deciso di trascorrere il Capodanno nella capitale Russa, di sicuro saprete già delle temperature a dir poco rigide a cui andrete incontro! Ricordatevi di mettere in valigia tute da sci, maglie in pile, cappelli, sciarpe, guanti e tutto ciò che vi serve per ripararvi da temperature gelide. Oscillano dai – 3° ai -9° C, con un nevischio continuo. Se soffia il vento dalla Siberia le temperature possono scendere anche a – 25° C (ma fate attenzione, quella percepita è più bassa!). Tra il freddo, la vodka e le mille lucine colorate, però, passerete un bellissimo Capodanno! Ammirerete le piazze più suggestive d’Europa. Di consueto, dopo il cenone, si va a divertirsi nelle piste da pattinaggio, si visitano i mercatini di Natale, si assiste a spettacoli pirotecnici unici nella Piazza Rossa. I fuochi saranno sparati tra le guglie della Cattedrale di San Basilio e lasciano senza fiato. La pista di pattinaggio vicina è particolare: grazie ad una iniziativa del Governo di Mosca, alcuni concittadini pattinano accanto ai turisti indossando maschere pittoresche e divertenti. Tappa indicata per chi ama il teatro: Bolshoi. Qui si tiene il tradizionale spettacolo di Capodanno, di solito si mette in scena “Lo schiaccianoci”.

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons