Le 5 città più colorate del mondo

Quando ci troviamo in una città nuova siamo immediatamente catapultati in una nuova dimensione e proviamo un’irrefrenabile curiosità di scoprire il posto in cui ci troviamo in tutti i suoi aspetti. Spesso veniamo colpiti soprattutto dalla principali differenze con le località che siamo abituati a vedere nella nostra quotidianità, che siano differenze culturali, architettoniche, culinarie.

Alcuni posti ci stregano con la loro storia  e per la presenza di monumenti di indiscusso valore artistico o edifici particolari dal punto di vista architettonico, altri per la loro movimentata e trasgressiva vita notturna, altri ancora per i loro colori accesi e vivaci e l’atmosfera complessiva che vi si respira.

Esistono al mondo città che mettono allegria e buonumore per la vivacità dei colori delle loro case e le tinte sgargianti delle loro strade e piazze, che sembrano uscite dalla tavolozza di un pittore. Alcuni di questi quartieri sono stati ridipinti per esigenze specifiche legate a motivi storici, culturali o politici, altre per il semplice gusto di rappresentare una gioia per gli occhi di chi guarda.

Facciamo un viaggio all’insegna del colore e scopriamo assieme quali sono le metropoli più variopinte del mondo, in cui perdersi con lo sguardo e la mente tra edifici spettacolari e stradine policromatiche.

Balat, Istanbul

balat
[1]
Nell’affascinante città turca, sorge lo storico quartiere ebraico di Balat. Questo zona della città, dopo aver subito un periodo di degrado, è stata rivalutata grazie all’intervento dell’Unesco. In questo splendido posto, dove il tempo sembra essersi fermato, tra una passeggiata e l’altra tra case colorate, piccole botteghe e vicoletti stretti, non dimenticatevi di visitare la bellissima Sinagoga di Arhida, un vero e proprio gioiello. Se poi avete la pazienza di salire fino alla sommità di Balat  potrete ammirare un panorama mozzafiato su tutto il Corno d’Oro.

Bo-Kaap, Città del Capo

bo-kaap
[2]
Il quartiere di Bo-Kaap, si trova a Città del Capo, in Sudafrica, dove il mix di colori sui muri degli edifici delle case, dei negozi e dei luoghi sacri riflette la mescolanza culturale  posto multietnico.

Originariamente questa zona della città, era popolata dagli schiavi malesi ed era a prevalenza musulmana. Con la fine dell’apartheid è invece diventato un vero e proprio luogo di incontro tra culture differenti e i suoi allegri edifici sono stati spesso utilizzati da sfondo per servizi fotografici e l’allestimento di set cinematografici.

Notting Hill, Londra

notting-hill
[3]
Notting Hill è uno dei quartieri più chic e magici di tutta Londra. In questo posto potrete trovare qualsiasi tipo di svago e lasciarvi contagiare dall’allegria dei suoi edifici in stile vittoriano, l’atmosfera dei tanti bistrò e ristorantini presenti e la vivacità del mercato di Portobello Road. Questo quartiere di tendenza, negli ultimi anni è diventato ancora più famoso grazie al Carnevale Caraibico, che si svolge nel corso dell’ultima settimana d’agosto, richiamando turisti da ogni parte del mondo.

Riomaggiore, Italia

riomaggiore
[4]
Riomaggiore è uno dei borghi più belli delle Cinque Terre e si trova in provincia de La Spezia. Le sue variopinte abitazioni, sono arroccate tra due speroni di roccia che si affacciano sulla splendida Riviera del Levante. Questo piccolissimo borgo marinaro oltre che per i suoi colori vivaci, che ci regalano immediatamente una sensazione di pace, è conosciuto per le numerose bellezze naturali da poter visitare. Molto caratteristico è il porto, dove le coloratissime barche dei pescatori si trovano al riparo di un’insenatura naturale e sono raggiungibili attraverso due discese, che permettono di scendere facilmente a mare per poter fare il bagno anche di notte. Ancora più suggestivo è il tunnel Via dell’Amore, un panoramico sentiero scavato nella roccia, a picco sul mare, che collega Riomaggiore alla stazione di Manarola.

La Boca, Buenos Aires

la-boca
[5]
Il quartiere La Boca, costituisce una delle attrattive  turistiche più note di Buenos Aires per le sue coloratissime case dipinte dagli immigrati nel corso dell’Ottocento. In questo quartiere simbolo del tango e patria d’artisti, marinai e contrabbandieri era usanza diffusa ridipingere le case con la rimanenza della vernice utilizzata per dipingere le barche. Se vi dovesse capitare la fortuna di visitare questo magico posto vi consigliamo di non perdere l’occasione di passeggiare lungo via Caminito, conosciuta anche come la strada degli artisti, che oggi costituisce uno splendido museo a cielo aperto.

 

 

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons 

  1. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da Moyan Brenn
  2. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Wikimedia da SkyPixels
  3. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Olivier Bruchez
  4. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Alessio Maffeis
  5. Questa immagine è stata originariamente pubblicata su Flickr da Marissa Strniste