Il mare d’inverno: quali paesi visitare in Italia?

Il mare d’inverno si trasforma. Da caotico, movimentato, affollato diventa silenzioso e meditativo. Un’esperienza interiore intensa, profonda fatta di pensieri che si avvicendano e solitudine costruittiva. Impetuoso, agitato, nervoso, la tavola blu nella stagione fredda evoca sublime sensazioni. Diventa romantico, melanconico. Moltissimi si lasciano affascinare da questo stupefacente spettacolo e organizzano un viaggio per godersi appieno sensazioni incredibili. Quali paesi visitare per godersi il mare?

Camogli (Liguria)camogli

È chiamata la città “dai mille bianchi velieri”, per la tradizione nautica che l’ha sempre caratterizzata. È incastonata tra il mare e la scogliera ed offre un panorama mozzafiato. Si tratta di un tipico borgo marinaro che si affaccia sul golfo Paradiso, centro turistico molto noto grazie alla presenza di palazzi colorati (trompe l’oeil) e per il porticciolo. Città magica, immersa in una cornice naturale, incanta da anni persone provenienti da tutto il mondo per visitarla. Tra i posti da visitare ci sono molte chiese: la Basilica Minore di Santa Maria Assunta, il Santuario di Nostra Signora del Boschetto, la chiesa “Millenaria” e quella parrocchiale di S.Rocco. Per gli appassionati del mare e della storia si può visitare il Museo Marinaro che custodisce centinaia di opere: quadri e navi in bottiglia spettacoloari. Per gli amanti delle profondità del mare, non possono non ammirare il Cristo degli abissi, opera di Guido Galletti posta sul fondale della baia di San Fruttuoso nel 1954.

Sperlonga (Lazio)sperlonga

Piccolo comune del basso Lazio, situato nella provincia di Latina, offre anche d’inverno una delle spiagge più belle della penisola. Sono l’attrattiva principale della città, dato che vantano anche la bandiera blu.  Canzatora, ad esempio, è nota per la sua sabbia fine ed è generalmente frequentata da bambini. Fontana è al centro cittadino, Grotta di Tiberio è in una cavità naturale, estremamente affascinante. Oltre alle spiagge, Sperlonga è anche un affascinante borgo fatto di vicoli, vie caratteristiche e posti da visitare. Un elemento caratteristico sono le quattro torri, costruite nel medioevo per scopo difensivo. La torre centrale e la torre nel Nibbio si stagliano tra le abitazioni regalando un effetto arroccato e tortuoso. La torre Truglia è stata restaurata più volte.

Sorrento (Campania)sorrento

Chi è abituato a questa città in estate, stenterà a riconoscerla in versione invernale. Il mare, il sole, lo shopping sono più intimi, più riservati. Quando il tempo lo permette i più temerari riescono anche a farsi il bagno. Se si visita nella stagione fredda, la Baia di Ieranto regala una passeggiata nel verde spettacolare. Inoltre si possono gustare piatti tipici e prelibatezze preparate con ingredienti biologici provenienti dalla Penisola Sorrentino, il vero segreto della qualità del cibo. Quando il turismo di massa finisce, ci si perde in totale relax tra strade, portali, musei, palazzi, chiese, botteghe e negozi del centro storico senza sentirsi oppressi dalla folla. Fino al 31 marzo, poi, si può assistere ad una serie di iniziative con la rassegna “Mi illumino d’inverno”: jazz, rassegne d’arte e visite guidate.

Scilla (Calabria)

Il castello Ruffo domina la scena: arroccato sullo sperone roccioso domina un lembo della Calabria. Scilla è uno dei posti più belli della regione e tra i borghi di mare più belli d’Italia. In questo splendido borgo si mescolano storia, mitologia e leggende con la bellezza del panorama. La parte più antica e suggestiva è Chianalea, detta anche la “piccola Venezia”: le case sembrano innalzarsi direttamente dal mare, poggiando le fondamenta sugli scogli. La vera bellezza arriva all’imbrunire, quando al tramonto la luce comincia ad essere calda e soffusa e si accendono le prime luci.  La spiaggia più conosciuta è quella di Marina Grande, che si allunga per 800 metri. Per gli amanti di immersioni subacquee può visitare Punta Pacì. I fondali sono alti e l’acqua cristallina. Ricco di flora e fauna, è un vero paradiso.

 

 

Tutte le foto utilizzate sono con licenza Creative Commons